Allergia: cause, sintomi e rimedi naturali

0

Le allergie sono un problema molto comune tra la popolazione. I sintomi si fanno sentire in modo insistente, spesso per un periodo limitato di tempo. Non è possibile generalizzare troppo perché esistono diversi tipi di allergie. Noi oggi parliamo in modo generale di cosa sono le allergie, in particolare quelle ai pollini e ad alcuni alimenti. Non dimentichiamoci però che esistono anche: l’allergia alla polvere, al pelo degli animali, a sostanze chimiche, metalli, farmaci….

Quando una persona soffre di allergia vuol dire che il suo sistema immunitario non funziona come dovrebbe. Ciò non significa che la persona non gode di buona salute in via generale ma, in questo specifico caso, il sistema immunitario riconosce una sostanza innocua come potenzialmente pericolosa e quindi la attacca. Quando entra in contatto con l’allergene va incontro a ipersensibilità.

Vediamo adesso quali sono i sintomi e le cause più comuni dell’allergia.

Sintomi dell’allergia, i più comuni

I sintomi dell’allergia variano in base al tipo di allergia stessa, ma anche da persona a persona e qual è la gravità del problema. Tra i più comuni ci sono quelli che colpiscono le vie aeree. Il naso chiuso e che cola, starnuti continui. La gola può essere irritata e porta a tossire spesso. Bocca e labbra possono prudere e arrossarsi. Può trattarsi di asma allergica o congiuntivite allergica.

I sintomi dell’allergia possono colpire anche la pelle. Può arrossarsi e prudere, delle volte compaiono verie e proprie vesciche. Le allergie alimentari possono invece colpire lo stomaco, portando a diarrea, nausea e vomito. Nei casi più gravi può portare alla mancanza di respiro e lo scock anafilattico.

Cause dell’allergia

Come dicevamo l’allergia è causata da una cattiva risposta da parte del sistema immunitario verso una sostanza innocua. La causa è da riscontrare in alcuni anticorpi specifici, gli IgE, all’interno del sistema immunitario. Gli allergeni possono provocare una reazione allergica quando entrano in contatto per via aerea, topica, iniettiva e alimentare.

In natura esistono vari tipi di allergenti. Uno dei più comune è il polline, il quale causa le tipiche allergie stagionali. Piuttosto diffusa l’allergia alle graminacee. C’è poi l’allergia alla puntura di alcuni insetti, agli acari della polvere, alle muffe o i lieviti, ad alcuni alimenti, a farmaci, a cosmetici, detersivi, metalli…

L’allergia deve essere riconosciuta mediante diagnosi

La diagnosi di solito viene fatta attraverso il Prick Test. Un test cutaneo che prevede alcune piccole incisioni affinché la sostanza che si ritiene causa di allergia entri in contatto. Se si verifica una reazione, significa che il paziente è allergico. Esistono comunque molti altri test.

Allergia: rimedi natruali

Fitoterapia

Esistono alcuni elementi naturali che possono essere integrati per combattere il problema alla radice per quanto riguarda i casi di allergia. Possono essere suggeriti secondo gli esperti la rodiola, il ginkgo o il guaranà. Tuttavia anche l’eleuterococco, il quale è conosciuto come ginseng siberiano, sembra un valido alleato. Questi sono riconosciuti come adattogeni, una marcia in più per l’organismo visto che lo potenziano sotto vari aspetti.

Alimentazione

Il cibo può causare allergie e intollerenze alimentari, fatto di cui tutti sono al corrente. Bisogna comunque aggiungere che ogni individuo può avere una reazione diversa da altri quando per esempio assume un frutto o un ortaggio. L’organismo può infatti rispondere diversamente all’alimento consumato. Quindi che sia una carota, del cioccolato, un pomodoro, oppure delle uova è indifferente, il pericolo può essere sempre in agguato. Proprio per questo non si può suggerire per tutti una corretta alimentazione che non causi problemi di natura allergica. Tuttavia è possibile elencare quelli che attualmente sono reputabili i cibi allergizzanti più rinomati al mondo:

  • Latte e latticini
  • Frutti di mare
  • Uova
  • Frutta secca (come lo noci o le arachidi)
  • Grano
  • Semi di soia
  • Cioccolata

Attraverso test alimentari di provocazione è facile individuare se l’alimento X può scaturire la reazione allergica. In pratica il soggetto assume una piccola quantità di un prodotto, il quale è ritenuto responsabile del problema. Tuttavia i test allergologici si dimostrano più sicuri da fare, basta consultare il medico per avere più informazioni. Non sono comunque da prendere alla leggera le allergie o le intollerenze alimentari.

Aromaterapia

Nelle sindromi di natura allergica come quelle che interessano gran parte della popolazione durante l’arrivo della primavera, è possibile intervenire con alcuni alleati. Questi fanno riferimento al settore dell’aromaterapia, stiamo parlando degli oli essenziali che possono fornire azioni antinfiammatorie, antibatteriche, antisettiche e non solo. Ottime sono l’essenza di limone e quella di camomilla romana. Da non dimenticare l’olio di lavanda o il prezioso eucalipto, quest’ultima un’essenza piuttosto nota.

Omeopatia

Consultando un esperto (in questo caso un omeopata) è possibile capire il rimedio più adatto, oltre che diagnosticare la causa che origina il tutto. Contro le allergie da polline per esempio l’omeopatia ha varie soluzioni. Qui di seguito ne riportiamo tre utili per quanto abbiamo detto nel paragrafo:

  • Ipeca 5 CH. Un rimedio che trova impiego in tutti quei soggetti affetti da tosse secca e continua, la quale si dimostra anche fastidiosa nonché profonda
  • Euphrasia 5 CH. Comune il suo utilizzo in tutti quei pazienti con lacrimazione degli occhi
  • Allum cepa 5 CH. Quando l’allergia crea quella tanto fastidiosa situazione in cui il naso cola per la maggior parte della giornata e il tutto viene seguito da starnuti frequenti.

La posologia prevede l’assunzione di cinque granuli, anche più di una volta durante l’arco della giornata. Ovviamente domandare al proprio omeopata.

Mentre per chi è interessato all’uso dei fiori di Bach contro l’allergia può scoprire il Chicory e il Beech.


Condividi sui Social.

Lascia un commento