Asma: cause, sintomi e rimedi naturali

0

Contro l’asma è possibile ricorrere ad alcuni rimedi naturali. Questo per quanto riguarda l’asma bronchiale, che si suddivide in due categorie. Quella allergica e quella infettiva. Per quanto riguarda a esempio l’asma ansiosa occorrono rimedi contro l’ansia. In questo articolo non valutiamo nemmeno l’asma da sforzo, la quale si presenta dopo uno sforzo fisico (come per esempio una corsa o una lunga camminata). Vediamo adesso quali sono le cause, i sintomi, e i rimedi naturali per l’asma bronchiale!

Cos’è l’asma?

L’asma è una delle malattie croniche più diffuse. Secondo l’OMS ne soffrono circa 200milioni di individui. Non è una malattia da sottovalutare, ogni anno porta moltissime persone al decesso. In pratica colpisce le vie aeree, le quali sono gonfie e dolenti. Quando entrano a contatto con molecole irritanti si restringono, riducendo notevolmente la quantità d’ossigeno che può passare. Dall’asma non si guarisce, occorre infatti seguire una terapia medica mirata a portare sollievo durante gli attacchi e utili a prevenire i sintomi. I rimedi naturali sono utili certo, ma solo come supporto alla terapia tradizionale che in nessun caso può essere sostituita.

Cause dell’asma

Per individuare le cause dell’asma dobbiamo prima di tutto capire se si tratta di una forma di asma allergica oppure infettiva. L’asma allergica viene scatenata da sostanze irritanti, come per esempio il polline di alcune piante (in questo caso è un’allergia stagionale), dal pelo di animali, dalla polvere o anche da alcuni cibi. Se invece si tratta di asma infettiva, vuol dire che la causa è da ricondurre ad alcuni virus. Non è ancora nota però la causa per cui tutto questo accade. Alla base potrebbero esserci sia fattori genetici che ambientali.

Sintomi dell’asma

I sintomi tipici dell’asma sono la mancanza di respiro, un senso di costrizione che prende il torace, la tosse notturna e quella cronica di gola. Quando vi è un attacco asmatico invece, per il quale può essere necessario l’immediato soccorso, ecco che vi è una grave difficoltà respiratoria, c’è un forte senso di costrizione al torace, alcune volte accompagnato da tosse intensa. Inoltre si presenta il classico respiro sibilante.

Rimedi naturali per l’asma

Prima di passare ai rimedi naturali, vogliamo specificare che si tratta di una malattia da non sottovalutare visto che interessa seriamente le vie respiratorie. Nei casi può gravi una crisi asmatica se non curata, può portare alla morte. Diciamo questo perché non è nostra intenzione lasciar intendere che i rimedi naturali sono sufficienti contro l’asma. Anzi, è vero il contrario. Serve seguire la terapia medica in modo impeccabile e soprattutto in caso di crisi asmatica, rivolgersi immediatamente al dottore e nel caso, andare al pronto soccorso. I rimedi naturali possono esservi utili per alleviare un po’ i sintomi dell’asma ordinaria.

Rimedi omeopatici per l’asma

Il rimedio omeopatico deve essere prescritto dall’omeopata il quale analizzando il vostro caso, vi consiglia la strada migliore. Forniamo alcuni esempi. L’arsenicum album 15 CH va assunto prima di andare a letto o durante la crisi. L’aralia racemosa 5 CH invece, quando l’asma compare nel momento in cui ci si sdraia. L’Antimonium tartaricum 5CH è utile per favorire le secrezioni.

Alimentazione

In un qualsiasi regime alimentare dovrebbero esseri evitati i cibi pronti e i prodotti confezionati. Questo perché al loro interno vi sono tracce di sostanze dannose per il corpo, tra queste ricordiamo i conservanti e i pesticidi. Riassumendo gli alimenti da non integrare possiamo suggerire:

  • Uova
  • Latte e latticini
  • Prodotti di salumeria
  • Cioccolato
  • Molluschi
  • Alcolici (di ogni genere)

Da ricordare che anche la frutta può non essere indicata per lo scopo di seguire una corretta alimentazione contro l’asma. A questo proposito pare che le fragole si rivelino poco indicate, lo stesso possiamo dire del kiwi. Infine gli esperti affermano di prestare attenzione anche alle noci.

Considerando inoltre che i cibi appartenenti alla famiglia delle Solanacee, possono aggravare sulla salute sarebbe prudente consultare un medico nutrizionista. Quest’ultimo con certezza può indicare cosa e non può essere assunto nella dieta. Sicuramente le patate, i peperoni, i pomodori… gli sconsiglierà dato che sono del gruppo di cui abbiamo appena parlato.

Tutto questo riguarda quando la malattia è di natura allergica. In tali circostanze il fegato deve funzionare in modo ottimale e non essere sovraccaricato. Solamente così le tossine possono essere eliminate.

Prima di passare a una breve lista di alimenti indicati, volevamo aggiungere che le proteine animali sono da tenere sotto controllo. Tutto ai fini di prevenire vari problemi riconducibili all’asma.

Come cibi utili su cui poter fare affidamento ci sono: semi oleosi, pesce azzurro, cereali integrali, olio d’oliva (rigorosamente extravergine), legumi, frutta e infine verdura. Aggiungiamo i germogli di ravanello come extra.

Aromaterapia

Quando si parla di asma di natura allergica l’elenco delle essenze da utilizzare si riduce notevolmente. Nel secondo caso se la causa è riconducibile a una infezione o infiammazione che interessa direttamente le vie respiratorie è più facile intervenire. Mostriamo adesso 3 oli essenziali:

  • Olio essenziale di niaouly. Un prodotto efficace e delicato allo stesso tempo, proprio per questo lo utilizzano anche sui bambini. Utile contro tosse, malattie dell’apparato respiratorio, tosse etc. Considerato un potente decongestionante contro il catarro.
  • Olio essenziale di mirto. Un decongestionante, espettorante in grado di combattere anche lo stress. Utile contro la tosse (anche quella da fumatore), il raffreddore, diverse malattie respiratorie di natura cronica, bronchite etc. Offre una piacevolissima sensazione quando inalato. Proprio come l’olio di niaouly anche quello di mirto spesso viene usato sui bambini.
  • Olio essenziale di issopo. L’ultima essenza che suggeriamo è l’olio essenziale di issopo, il quale è apprezzato contro la tosse (secca e grassa), il mal di gola, il raffreddore e l’influenza in generale. Agisce con una valida azione espettorante e viene consigliato contro gli attacchi d’asma. Lo si considera un prezioso alleato infatti.

Come metodi di utilizzo rimangono sempre gli stessi. La diffusione ambientale, quindi attraverso i bruciatori di essenze o i deumidificatori dei radiatori (1 goccia per ogni metro quadro della stanza).

I suffumigi, ovvero la pentola con acqua bollente e cinque gocce di prodotto. Più lo straccio per coprire la testa durante il procedimento. Naturalmente quando l’acqua arriva a temperatura deve essere spento il fuoco.

Rimedi fitoterapici

Le piante che trovano un giusto impiego sono quelle con azione espettorante, antibatterica, antinfiammatoria e fluidificante dunque alleate contro il catarro, il muco e non solo. L’elicriso (Helichrysum italicum) è un valido rimedio per porre sollievo all’intero apparato respiratorio. Contro affezioni infettive o allergiche è quindi da tenere in considerazione come asso nella manica quando si parla di rimedi fitoterapici. Sono comunque le sommità fiorite della pianta a trovarne impiego nel settore.

Anche il ribes nero (denominato Ribes nigrum) è conosciuto contro numerose sindromi di natura allergica che possono interessare le mucose interne. Lo stesso vale se il disturbo ha origini antinfiammatorie. Non è infatti sconosciuto l’impiego per l’asma allergica o la bronchite cronica. Ricordiamo che il ribes nero non è un alimento esente dalle controindicazioni.

Per concludere sembrano indicati anche l’Ontano nero (per gli esperti Alnus glutinosa) e la Lantana (Viburnum lantana). Chiedere sempre a un esperto per la posologia e la scelta del prodotto dato che allergie e controindicazioni possono essere sempre presenti.


Condividi sui Social.

Lascia un commento