Rosmarino: proprietà, benefici, uso e controindicazioni

1

Il rosmarino è un arbusto facente parte della famiglia delle Lamiaceae: molto utilizzato in cucina come spezie, il rosmarino è anche un ottimo toccasana per la nostra salute e il nostro benessere. Scopriamo in questo articolo le proprietà del rosmarino, quali benefici apporta alla nostra salute, come usare il rosmarino e le eventuali controindicazioni.

Rosmarino: caratteristiche generali

E’ possibile reperire molto facilmente il rosmarino sul nostro territorio, in quanto cresce spontaneamente in tutta la costa mediterranea. La pianta del rosmarino è alta quasi 200 cm, presenta dei fusti di colore chiaro che si protendono verso l’alto e ramificano. Le foglie sono verde scuro lucido, lunghe massimo 3 cm e sono opposte mentre i fiori sono piccoli, raccolti a grappolo, di color azzurro-viola con sfumature di lilla. La pianta del rosmarino fiorisce fra marzo ed ottobre: una informazione, questa, molto importante poiché per realizzare le preparazioni erboristiche a base di rosmarino vengono usate le foglie, i fiori ed i rametti giovani.

Il nome della pianta deriva dal latino “rosaemaris” che significa rosa del mare, anche se, secondo altre fonti, in realtà deriverebbe da rosmarinus ovvero rugiada marina. Secondo un’antica leggenda, i fiori del rosmarino erano inizialmente bianchi, poi diventarono azzurro-viola dopo aver assorbito il colore del mantello di Maria.

In epoca medievale, il rosmarino veniva utilizzato soprattutto per la costruzione di amuleti magici per scacciare i demoni e pettini contro la calvizie. Successivamente si cominciò ad usare il rosmarino bruciato per purificare le stanze dei malati di peste e per curare mal di testa e stati d’animo depressivi. Nel 1370 fu scoperto che l’olio delle foglie della pianta del rosmarino poteva essere usato anche per curare i reumatismi.

Oggi il rosmarino è molto utilizzato in cucina dove è protagonista assoluto come spezia, soprattutto in abbinamento con la carne.

Rosmarino: le proprietà benefiche per la nostra salute

Il rosmarino oltre ad essere una pianta aromatica, ha svariate proprietà utili al benessere del nostro corpo e alla nostra bellezza. In particolare è un ottimo antiossidante, capace di rallentare l’ossidazione delle cellule, contrastando la diffusione dei radicali liberi.

E’ anche un ricostituente naturale in quanto è un aiuto valido per chi è debilitato, soffre di depressione e risente dello stress. Ancora, il rosmarino protegge il fegato e lo aiuta a svolgere le sue funzioni: in pochi infatti sanno che il rosmarino è un buon  tonificante e digestivo per tutto l’organismo, soprattutto per la pelle.

E’ un antispastico in quanto combatte i dolori addominali, gli spasmi, i gonfiori ed il meteorismo grazie all’effetto del borneolo. Questa pianta svolge anche un’azione antisettica: l’olio viene utilizzato per combattere gli attacchi dei batteri e debellare i sintomi dell’influenza come la tosse, la febbre e il raffreddore.

E’ un astringente in quanto i tannini contenuti in questa pianta hanno un eccellente potere antidiarroico e aiutano, inoltre, a regolare il flusso mestruale.

Il rosmarino è un ottimo digestivo ed è un rimedio molto efficace contro il reflusso gastroesofageo. Ancora, è uno stimolante: a quanto pare, infatti, il rosmarino riuscirebbe a stimolare tutti gli “appetiti”, compreso quello sessuale.

Infine è un naturale antiparassitario usato per combattere la proliferazione dei parassiti intestinali.

Il rosmarino è un alleato prezioso contro il mal di testa, contro i dolori reumatici, del nervo sciatico e delle contusioni e viene usato come antinfiammatorio ed antidolorifico. Inoltre non tutti sanno che il rosmarino è utile per combattere la caduta dei capelli, la forfora, l’alitosi, per abbassare il colesterolo e la glicemia, per migliorare la memoria e curare la pelle impura e grassa.

Uso del rosmarino come rimedio naturale

Date le sue numerose proprietà benefiche per la nostra salute, è possibile utilizzare questa pianta aromatica in preparazioni erboristiche specifiche che possono aiutarci a risolvere qualche piccolo problema di salute.

Molto utile è il decotto realizzato con le foglie del rosmarino bollito: questa bevanda è un toccasana per il mal di gola, ma anche per tosse e raffreddore. Non è difficile da preparare: innanzitutto, poniamo 50 gr. di rosmarino in una pentola con circa mezzo litro di acqua, lasciamo bollire per 10 minuti circa, spegniamo e facciamo raffreddare per 5 minuti. Filtriamo attraverso un colino la tisana e la versiamo in una tazza. È consigliato bere almeno una tazza al giorno.

E’ inoltre possibile preparare un particolare decotto per contrastare la ritenzione idrica (prevenendo così la formazione della cellulite). All’uopo, ci serviranno 10 foglie di rosmarino e una tazza d’acqua: verseremo tutto in un pentolino e porteremo ad ebollizione, poi filtreremo il decotto e lo lasceremo intiepidire. Consigliamo di sorseggiare il decotto dopo i pasti, preferibilmente due o tre volte al giorno per un effetto drenante.

E’ possibile utilizzare il rosmarino per combattere la formazione della forfora: all’uopo dovremo preparare una crema tritando gli aghi di rosmarino, a cui andremo ad aggiungere del sale ottenendo così un composto da applicare sui capelli prima dello shampoo. Tale rimedio assolutamente naturale, è ottimo anche per contrastare i capelli grassi e ridurre l’eccesso di sebo.

Per coloro che invece hanno problemi di capelli grassi e spenti, sarà possibile preparare un infuso con 5 cucchiai di foglie essiccate di rosmarino e 250 ml di acqua bollente: le foglie devono essere lasciate in infusione per circa 15 minuti. Una volta ottenuto il composto, lo potremo utilizzare per massaggiare il cuoio capelluto prima di procedere al lavaggio con uno shampoo neutro e delicato. Questo procedimento ci aiuterà a ridurre l’oleosità del cuoio capelluto. Se invece, si vuole dare vita a capelli spenti e opachi, basterà semplicemente spruzzare l’infuso, attraverso un nebulizzatore, sui capelli asciutti, per renderli più luminosi.

Il rosmarino può anche essere utilizzato per “arginare” la caduta dei capelli in quanto svolge un’azione stimolante per il follicolo e rinforza i capelli deboli prevenendone la caduta. In questo caso utilizziamo l’infuso come lozione da utilizzare dopo lo shampoo, massaggiamo e lasciamo agire per qualche minuto.

Infine, possiamo preparare uno shampoo anticaduta fatto in casa aggiungendo 20 ml di olio essenziale di rosmarino a 20 ml di shampoo, lasciando riposare per alcuni giorni prima di utilizzarlo.

Rosmarino: controindicazioni ed effetti collaterali

L’olio essenziale di rosmarino non va mai usato puro per evitare irritazioni, e solo per brevi periodi. Tutti i preparati non vanno mai usati in dosi eccessiva per non risultare tossici. Il rosmarino non può essere assunto dai bambini, dalle donne in gravidanza e dai soggetti affetti da epilessia.

Il sovradosaggio, invece, può causare convulsioni, irritazioni, vomito, difficoltà respiratorie e disturbi gastrointestinali.

Bisogna sempre ricordare che i rimedi naturali vanno assunti nella posologia indicata dallo specialista, senza eccedere e che comunque non sostituiscono i farmaci.


Condividi sui Social.

1 commento

Lascia un commento