Colesterolo alto: cause, rimedi naturali, consigli e dieta anticolesterolo

0

Ipercolesterolemia, ovvero il colesterolo alto: quante volte ne sentiamo parlare? Quante volte magari il medico ci ha messo in guardia? L’aumento del colesterolo è uno spauracchio che crea panico, quando il colesterolo si alza ecco che ricordiamo i vari moniti sullo stile di vita e l’alimentazione. Ed ecco che ci buttiamo a capofitto in una dieta anticolesterolo o ci gettiamo sugli integratori per abbassare il colesterolo. Ma non potevamo pensarci prima? Ovviamente, ma la lezione dell’alimentazione corretta ce la ricordiamo solo quando si palesa il problema.

Colesterolo, colesterolo alto, colesterolo buono e colesterolo cattivo, c’è tanta demonizzazione attorno a queste parole, perché? Cos’è effettivamente il colesterolo?

Colesterolo HDL e colesterolo LDL

Il colesterolo altro non è che una molecola, trasportata dalle lipoproteine, che in giuste quantità aiuta l’organismo in diverse funzioni: corretto funzionamento delle membrane cellulari, generazione di molti ormoni (cortisone, progesterone, testosterone), digestione e spostamento dei grassi.

Ne esistono due forme:

  1. colesterolo LDL ovvero il colesterolo cattivo che se è troppo alto, depositandosi nei vasi sanguigni, ottura le arterie e crea molti danni all’apparato cardio-vascolare.
  2. colesterolo HDL ovvero il colesterolo buono che combatte il deposito nei vasi sanguigni del colesterolo LDL e forma una guaina protettiva sulla pelle.

Le cause del colesterolo alto

Il colesterolo viene introdotto nel nostro corpo con il cibo, ma una buona parte la produce il fegato. Il colesterolo dunque aumenta quando le lipoproteine LDL sono in eccesso o funzionano male, il colesterolo non va dal fegato alle cellule ma si deposita nelle arterie formando delle placche. Ciò avviene per vari motivi: il fegato in situazioni di stress produce più colesterolo oppure stiamo seguendo un’alimentazione scorretta.

Sul colesterolo incidono poi altri fattori: età, stile di vita, predisposizioni genetiche, alcune malattie (malattie renali, ipotiroidisimo), l’assunzione di alcuni farmaci che aiutano l’incremento del colesterolo nel sangue, tabagismo, consumo di alcol, ipertensione, diabete, sovrappeso e sedentarietà. Molti di questi fattori sono chiaramente legati ad un eccessivo aumento di peso.

Il colesterolo alto se non curato può comportare:

  • attacchi cardiaci
  • ictus
  • arteriosclerosi

Quali sono i sintomi del colesterolo alto?

Come si scopre se si ha il colesterolo alto o normale? Semplicemente con un’analisi del sangue. Periodicamente dovremmo eseguirla tutti per controllare i valori del colesterolo, ma i soggetti a rischio devono fare controlli più frequenti (persone anziane, persone in sovrappeso, persone malate di cuore, diabetiche o geneticamente predisposte).

Colesterolo vs grassi

Per eliminare il colesterolo, nella dieta per il colesterolo vanno eliminati tutti i grassi? No, solo quelli “cattivi” e quelli meno cattivi vanno ingeriti con cautela. Parliamo ovviamente di grassi saturi ed insaturi. I grassi “buoni” sono presenti soprattutto nell’olio d’oliva, negli oli vegetali, e nel pesce oltre che nella frutta secca, i famosi omega 3 ed omega 6, mentre i grassi dannosi sono quelli di origine animale, i grassi saturi, o idrogenati, che poi sono alla base di molti snack e merendine.

Dieta e colesterolo

Ci sono due modi per contrastare efficacemente il colesterolo alto:

  1. alimentazione corretta
  2. stile di vita sano

Questo è tutto ciò che occorre. Sembra perfino facile detto così, ma parola mia, delle volte è un cammino tutt’altro che facile. Tutto sta nell’entrare nell’ottica giusta.

Ritagliarsi del tempo al giorno per fare movimento, darci un taglio a sigarette ed alcol ma soprattutto mangiare correttamente e sano.

Quante volte avete letto su internet ammonimenti, consigli e diete per abbassare il colesterolo alto? E’ giunto il momento di mettere in pratica tutto ciò che avete imparato.

Colesterolo alto: cibi consigliati e cibi da evitare

In linea di massima sono permessi: un bicchiere di latte di soia al mattino con frutta secca o frutta fresca, 100 gr di carne magra al giorno (petto di pollo o di tacchino, coniglio) da alternare al pesce azzurro (preferibilmente il salmone) o in alternativa i legumi, che son comunque da preferire alla carne (per alternare 4 porzioni a settimana vanno bene).

Bene pasta e pane purché integrali, l’avena è particolarmente indicata. 2 uova bollite a settimana o in alternativa una frittata di solo albume senza grassi aggiunti, insalata a pranzo e a cena, 5 porzioni di frutta al giorno e verdure al vapore (asparagi, broccoli, bietola, spinaci). 2 cucchiaini di olio d’oliva come condimento. Spuntini a base di frutta, anche l’avocado con moderazione, o frutta secca quindi noci e semi.

Da non sottovalutare l’aglio che è ottimo per ridurre il colesterolo. Gli insaccati sono da eliminare, ma fa eccezione la bresaola e la fesa di tacchino (max. 50 gr due volte alla settimana). Il gelato è contemplato, ma a base di frutta e soia.

I germogli che abbassano il colesterolo

I germogli altro non sono che il primissimo prodotto della germinazione di un seme interrato, oppure le foglioline e i ramoscelli che si formano dalla gemma di una pianta. Tra i tanti benefici che potremmo ottenere consumando germogli, ve n’è uno che sicuramente interesserà molti di voi: abbassare il colesterolo. Ebbene sì, contengono tanti Omega 3, che come sapete, sono proprio quegli acidi grassi in grado di ripulire le nostre arterie dall’accumulo di grassi nocivi. Non tutti i germogli sono adatti a questo scopo, ma noi vi segnaliamo proprio quelli che contengono la maggior quantità di Omega3: germogli di semi di lino, di semi di colza, di ravanello, di crescione e di trifoglio.

Li potrete trovare facilmente nei negozi bio e macrobiotici già pronti per essere mangiati crudi in insalata o, eventualmente, scottati al vapore. Se preferite e avete il pollice verde, potrete acquistare i semi direttamente da un rivenditore di granaglie e farli germogliare a casa.

Molto importante: bere almeno 2 litri di acqua al giorno.

Cibi assolutamente vietati: parti grasse del pollo come ali e cosce, fegato, reni, cervello, pancetta, insaccati, carni grasse, pesci grassi (orata e spigola), formaggi, latticini, polpo, cozze, burro, patatine, cibi fritti, dolciumi, pizza, maionese, lardo, strutto, panna, olio di palma, olio di cocco e besciamella.

Dieta per abbassare il colesterolo

Ecco un esempio di dieta contro il colesterolo alto settimanale. La dieta prevede e regola i tre pasti principali e i due spuntini, da fare a metà mattinata e metà pomeriggio.

LUNEDÌ

  • Colazione: cereali integrali con del latte parzialmente scremato;
  • Spuntino: uno yogurt magro con un frutto;
  • Pranzo: 60 g di pasta in bianco con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva e della ricotta;
  • Merenda: due banane ed uno yogurt;
  • Cena: pesce al forno con condimento patate lesse.

MARTEDÌ

  • Colazione: cereali integrali con del latte parzialmente scremato;
  • Spuntino: due banane ed uno yogurt;
  • Pranzo: 80 g di pasta in bianco con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva e cereali a scelta;
  • Merenda: due arance;
  • Cena: 200 g di filetto di merluzzo e verdura mista.

MERCOLEDÌ

  • Colazione: cereali integrali con del latte parzialmente scremato;
  • Spuntino: due mele;
  • Pranzo: 90 g di riso in bianco con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva ed insalata a volontà;
  • Merenda: uno yogurt magro e una pera;
  • Cena: verdura mista e tonno al naturale.

GIOVEDÌ

  • Colazione: fette biscottate con marmellata;
  • Spuntino: due banane ed uno yogurt;
  • Pranzo: 80 g di riso condito con olio; dei legumi;
  • Merenda: due arance;
  • Cena: 120 g di salmone e verdura mista.

VENERDÌ

  • Colazione: cereali integrali con del latte parzialmente scremato;
  • Spuntino: del succo di frutta e dell’albicocche;
  • Pranzo: 90 g di pasta al pomodoro con un cucchiaino di olio extravergine d’oliva e legumi a scelta;
  • Merenda: due mele;
  • Cena: petto di pollo, verdure e della ricotta.

SABATO

  • Colazione: fette biscottate e caffè d’orzo;
  • Spuntino: uno yogurt magro con papaja;
  • Pranzo: 80 g di riso condito con olio; insalata mista;
  • Merenda: due banane ed uno yogurt;
  • Cena: 200 g di filetto di merluzzo e verdura mista.

DOMENICA

  • Colazione: cereali integrali con del latte parzialmente scremato;
  • Spuntino: del succo di frutta e dell’albicocche;
  • Pranzo: passata di fagioli ed insalata di pomodori;
  • Merenda: due arance;
  • Cena: 200 g di filetto di merluzzo e verdura mista.

Consigli per ridurre il colesterolo alto

La cottura dei cibi è molto importante, occorre preferire frutta e verdura crudi e cibi da cuocere al vapore, ai ferri o lessi. Evitare fritture, aggiunte di olio e burro, meglio preferire le spezie.

Gli alcolici sono da evitare in linea di massima ma sembra che un bicchiere di vino rosso al giorno non crei problemi. Fra le bevande utili da integrare nella dieta troviamo anche il tè nero che aiuta a ridurre i lipidi nel sangue. Il caffè va bene, ma non più di due tazzine al giorno.

Il cioccolato? Si può, ma dev’essere fondente.

In commercio si trovano inoltre degli integratori per abbassare il colesterolo a base di magnesio, cromo, vitamina C e omega 3.

In linea di massima si deve rispettare uno stile di vita sano, facendo molto movimento (ciclismo, ginnastica aerobica, ballo, nuoto, calcio, basket, cammino a passo veloce (4-5 km/ora) o pallavolo) che aiuta davvero tantissimo ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

Sarebbe bene inoltre rivolgersi ad un nutrizionista o comunque uno specialista che possa abbinare i cibi anticolesterolo dando vita ad una dieta dimagrante, perché dimagrire è fondamentale (soprattutto eliminare il girovita in eccesso) per eliminare il colesterolo. Naturalmente occorre eliminare il fumo.

Tenere sotto controllo il colesterolo, specie se si è a rischio, è molto importante non trascuratevi e fate spesso le analisi del sangue.

Condividi sui Social.

Lascia un commento