Ruta: proprietà, benefici, usi e controindicazioni

0

Quest’oggi ci concentriamo sulla ruta, appartenente al genere Ruta graveolens, una pianta ricca di proprietà nonché allo stesso tempo molto aromatica. Ogni parte della ruta (fatta eccezione per le sue radici) trova utilizzo nel campo della fitoterapia grazie alle molte proprietà possedute. Questa pianta per esempio è apprezzata per essere un antiossidante, diuretico e non solo. Ma vediamo più nello specifico a cosa è utile e quali sono le sue controindicazioni, i benefici e gli usi.

Composizione della Ruta

La ruta ha una struttura chimica piuttosto ricca. Al suo interno infatti troviamo:

  • Oli essenziali
  • Alcoloidi
  • Cumarine
  • Flavonoidi
  • Fenoli
  • Saponine
  • Furanocumarine
  • Aminoacidi
  • Rutina

Proprietà e benefici della ruta

La della ruta prevede varie sostanze al suo interno. Ricordiamo gli oli essenziali, i flavonoidi, gli aminoacidi, le cumarine e molti altri ancora…. Per quanto riguarda le sue proprietà e i benefici, ecco per cosa è nota e allo stesso tempo utile la pianta della ruta.

1. Antidolorifica

La Ruta graveolens è una pianta utile per il corpo umano, può essere impiegata in diverse occasioni e già in passato era apprezzata come antidolorifico naturale. Quindi utile in diverse circostanze, dal mal di gola al mal di testa, fino ai dolori articolari o muscolari. Addirittura contro il mal di denti le persone ne facevano uso frequentemente. Tutto questo è dovuto ai fenoli che riducono infiammazioni e dolori.

2. Antiossidante

La presenza dei flavonoidi, della rutina e dei fenoli  permettono alla pianta della ruta di esercitare un’azione protettiva e preventiva contro i radicali liberi, questo in quanto sostanze antiossidanti. In pratica aiuta il corpo a ridurre il rischio della comparsa di malattie cardiache e di natura degenerativa (come alcune tipologie di tumore). Rallenta anche l’invecchiamento delle cellule combattendo così la comparsa delle rughe.

3. Digestiva

Dispone di proprietà digestive che possono quindi facilitare la digestione dei cibi dopo i pasti. Deve comunque essere utilizzata nei giusti dosaggi i quali chiaramente sono suggeriti da uno specialista. Il tutto sempre seguito da un regime alimentare sano e vario, così che il corpo possa assimilare ogni sostanza nutritiva. Per quanto riguarda l’azione digestiva della ruta, bisogna ringraziare la sua azione antispasmodica che interessa l’intestino questa dovuta dalle cumarine.

4. Antinfiammatoria

Diversi sono i trattamenti che l’uomo sfrutta grazie all’utilizzo della ruta, questo perché è un buon antinfiammatorio e quindi può dimostrarsi spesso utile. Specie quando parliamo di artrite reumatoide, gotta e non solo. Generalmente è sufficiente assumere quotidianamente il tè (1 o 2 tazze durante l’arco della giornata). La pianta è ricca di flavonoidi ed è per questo che si rivela antinfiammatoria oltre che antiossidante come accennato prima.

5. Antibatterica

Tra le molte proprietà di cui dispone la pianta qui presente, si annoverano anche quelle antibatteriche. Infatti è considerata un buonissimo rimedio naturale contro determinate tipologie d’infezioni. Apprezzata per esempio per l’apparato urinario e contro la salmonella. Il tè a base di foglie di ruta è utile grazie alla presenza dei fenoli.

6. Psoriasi

La psoriasi non la si può curare ma solo ridurne i sintomi. Alcune sostanze presenti nelle piante possono infatti facilitare i trattamenti ai fini di placarla. Tra gli elementi offerti da madre natura che possono essere impiegati troviamo la ruta, nello specifico le furanocumarine sono le alleate che il corpo utilizza.

7. Immunostimolante

I composti con azione antiossidante quali i fenoli, i flavonoidi e la rutina facilitano l’innalzamento delle barriere immunitarie, l’effetto è quindi utile per contrastare o prevenire malattie e sintomi legati al cambio di stagione. Come raffreddore, mal di testa, mal di gola, tosse e non solo.

8. Diuretica

L’effetto diuretico è noto agli esperti che infatti la suggeriscono per facilitare le minzioni. La conseguenza è che il corpo elimina più facilmente scorie e tossine dall’organismo, queste concentrate nell’urina. Sono i glicosidi a fornire tali effetti diuretici.

Usi della ruta

La ruta è una pianta nota all’uomo anche per la sua buona versatilità. Come utilizzi si passa dalla cura della propria persona, al settore alimentare. È inoltre usata come pianta aromatica per liquori e superalcolici (grappe). In cucina è ottima come aromatizzante, anche per la carne o il pesce viene scelta. Addirittura nelle insalate è un buon accostamento in cucina.

In commercio è nota nel settore cosmetico tintura per massaggi oppure olio, ed è usata quasi sempre per l’uso esterno. In genere la ruta trova utilità contro crampi, dolori articolari e muscolari. Ma come visto precedentemente vanta numerose proprietà benefiche per l’organismo, un esempio è quello di essere adatta per depurare da scorie e tossine.

La coltivazione in giardino della pianta qui presente, può fornire un effetto repellente nei confronti delle zanzare. Tutto merito dell’aroma della ruta, sembra inoltre che per lo stesso motivo non sia apprezzata dai topi.

Controindicazioni della ruta

Nonostante l’infuso di ruta sia un buon antinfiammatorio è bene non abusarne con i dosaggi dato che può esercitare l’effetto contrario. Infatti sia per lo stomaco per per l’apparato urinario può essere dannoso. Naturalmente come ogni pianta può scatenare allergie o intolleranze verso alcuni soggetti con ipersensibilità verso i principi attivi della ruta.

La pianta può inoltre essere irritante, una notizia che sarebbe stata molto utile in passato. Questo perché era comune impiegarla a livello topico contro alcuni disturbi della pelle, porri compresi. Da puntualizzare che in caso di infiammazioni che interessano i reni, la ruta non è affatto indicata.

Va detto inoltre che per le donne in dolce attesa e quelle nella fase dell’allattamento non è da usare. Ricordiamo che la pianta è tossica, quindi è bene affidarsi ai rimedi erboristici e non quelli fai da te.

Curiosità sulla pianta della ruta

La Ruta graveolens è una pianta che come detto precedentemente era conosciuta per vari utilizzi. Tra questi si riteneva che potesse bloccare il veleno di alcuni serpenti, proprio così l’uomo la impiegava come antidoto quando qualcuno veniva morso. Per la precisione il decotto trovava utilità.

Ma non è tutto, ancora oggi infatti sentiamo spesso parlare della pianta in questione, per esempio diverse comunità aborigene dell’America la utilizzano come “freccia di cupido”. Ovvero seguono una sorta di rituale che può far nascere l’amore nella persona desiderata, questo almeno secondo le loro credenze.

Sappiamo che in antichità la pianta della ruta era un rimedio per depurare il fegato, addirittura vi erano dei testi a darne conferma. Questi anche su di un libro riguardante le malattie appartenuto a Ippocrate. Le piante affascinano da sempre, specie quando hanno delle storie da raccontare come queste. Tuttavia, di notizie riguardanti la ruta ne esistono tante, spesso legate più alla leggenda che a dei reali effetti benefici. Per esempio come il fatto che in tempi antichi era utilizzata come afrodisiaco, quindi utile per stimolare l’attrazione sessuale.


Condividi sui Social.

Lascia un commento