Centella: proprietà, usi, benefici e controindicazioni

0

Oggi vi parleremo della centella, la quale è conosciuta anche come Centella asiatica o Hydrocotyle asiatica. Si tratta di una pianta dalle molte proprietà salutari e tutto questo, con i vostri stessi occhi, lo scoprirete nel corso della lettura.

La centella appartiene alla famiglia delle Apiaceae. Si tratta di una pianta che l’uomo utilizza da tempi remoti. Infatti già in antichità, era ritenuta benefica per mente e corpo. Oggi sappiamo che è d’aiuto per le pelle, per le vene varicose, ma anche la cellulite e non solo. Curiosi di sapere altro? Proseguite allora nella lettura, nei vari paragrafi cerchiamo di offrire quante più informazioni possibili. Dunque vediamo subito quali sono le proprietà, gli usi, le controindicazioni e qualche informazione sulla pianta. Buona lettura!

Proprietà della centella

Le proprietà della centella asiatica sono ben note dall’uomo ed è per questo che per ottenere i numerosi vantaggi in ambito della salute, viene usata in vari modi. Tuttavia, il suo uso (moderato) non è adatto per tutti. Potete impiegarlo ma sempre rispettando la corretta posologia e dato che questa potrebbe variare, chiedete sempre a un esperto prima di usarla su di voi, sia internamente che esternamente.

Sappiamo per certo che la centella è d’aiuto per contrastare la pelle a buccia d’arancia. Anche contro le emorroidi pare una degna alleata, pur sempre utilizzandola seguendo le istruzioni alla lettera. La composizione chimica della centella asiatica presenta sali minerali, acidi triterpenici, tannini, flavonoidi e non solo. È dunque una grande alleata da utilizzare nelle più svariate occasioni. Infatti, la pianta non si limita solamente a trovare impiego contro la cellulite come abbiamo appunto menzionato poco fa. È stato scoperto che l’azione flebotonica della centella è d’aiuto per le pareti vasali, quindi sia a livello della loro tonicità sia per quanto riguarda la loro struttura. Non a caso è suggerita per facilitare la circolazione periferica.

Anche contro le vene varicose, le gambe pesanti, i crampi degli arti è una preziosa alleata…. Il normale processo di cicatrizzazione che riguarda lesioni, ustioni o piaghe può essere migliorato. Proprio così, il corpo impiega meno tempo a guarire. Da non dimenticare che la centella è utilizzata anche contro la psoriasi e gli eczemi.

Le proprietà della pianta sono rinomate in ambito terapeutico e non è difficile capirne il motivo visto che la centella esercita un’azione antiossidante, antinfiammatoria e calmante queste sono tra le principali sue funzioni. Il suo impiego migliora anche circolazione del sangue e come detto prima previene e contrasta la fragilità capillare.

Usi della centella, i nostri suggerimenti

Questo è il paragrafo degli usi della centella, qui si trovano alcune informazioni a riguardo. Poco per volta vi mostriamo come potete farne uso in maniera efficacie. Vogliamo comunque ricordare che anche nel settore della cosmetica la centella asiatica trova largo impiego, ottima appunto per rassodare la pelle, combattere le smagliature e le rughe. Scopriamo altro a proposito della pianta in questione.

Dunque, gli esperti sostengono che la centella possa fornire interessanti benefici al corpo e come avete visto nel paragrafo precedente, c’è del vero. Tutto questo è dovuto dalle molte azioni positive che esercita la pianta. Potete infatti fare uso della tintura madre di centella, oltre che del suo infuso! Questi sono gli impieghi più comuni a riguardo. Chiaramente vi invitiamo a prestare attenzione sui rispettivi dosaggi. Inoltre interpellare il vostro medico non è certo una cattiva idea, le controindicazioni ed effetti collaterali potrebbero sopraggiungere, in particolar modo chiedete a lui se soffrite di una qualche patologia o prendete dei farmaci.

Dopo quanto abbiamo appena detto, è arrivato il momento di parlare degli usi della pianta. Dunque quali sono i vari modi in cui la centella può essere usata? Approfondiamo il tema degli infusi e della tintura madre in particola modo.

  • Infuso. Le proprietà ottenute dall’infuso della centella sono ottime. La ricetta prevede l’impiego di 1 tazza d’acqua e di 1 cucchiaio medio di foglie di centella asiatica. La sua preparazione è molto semplice, dovete solamente mettere l’acqua a bollire e non appena è pronta toglietela dal fuoco. Successivamente unite la pianta secondo quanto riportato qui sopra. Sono necessari 10 minuti di infusione il tutto mentre resta coperta così da non disperdere le sue benefiche sostanze. Per questo procedimento potete anche utilizzare un po’ di stagnola se la possedete in casa, della velina o un piatto che aderisce bene. Lontano dai pasti viene suggerito l’infuso. Ottimo per il cuore e contro la cellulite, spiccano anche le proprietà diuretiche.
  • Tintura madre. Reperibile in erboristeria, la tintura madre di centella è una valida alleata per il corpo. Ricordiamo comunque che ne viene consigliata l’assunzione sempre lontano dai pasti! Il rimedio qui presente prevede l’impiego di 1 litro d’acqua a cui sono state unite 80 gocce di tintura. Chiaramente deve durarvi tutto il giorno e non essere consumato in una o due volte come in molti possono credere o addirittura aver fatto.

Cercate altri modi per assumere la centella? Vi ricordiamo allora le capsule e le compresse a base di centella. La posologia vi ricordiamo che è sempre da domandare al medico, potrebbe infatti cambiare da persona a persona e quindi rischiate di assumerne molto o troppo poca. Le aziende produttrici comunque forniscono sulla confezione le notizie più importanti a riguardo.

Controindicazioni della centella

Le controindicazioni riconducibili all’impiego della centella non sono da prendere alla leggera. Voi prestate sempre attenzione e questo vale per le piante, gli oli essenziali (a maggior ragione), l’alimentazione e non solo. Ricordiamo che se assunta in grandi quantità può dare origine a forti mal di testa. C’è anche da dire un’altra cosa molto importante, cioè che è un’erba dall’azione fotosensibile. Quindi il suo utilizzo deve essere fatto con attenzione in quanto non è consigliabile prima di esporsi alla luce del sole. Questo vale anche per le comunissime lampade abbronzanti, dunque abbiate un occhio di riguardo!

Non sono esenti possibili reazioni allergiche che interessano la cute. Inoltre la centella in allattamento e in gravidanza viene sconsigliata dagli esperti. Quindi mamme e neo-mamme devono evitarla senza pensarci due volte. Inutile dire che i bambini non devono entrarvi in contatto!

Possono anche esservi degli effetti indesiderati dovuti a delle interezioni farmacologiche, prodotti come gli antidepressivi non sono da abbinare alla centella.

Descrizione della pianta

In questo paragrafo vi forniamo alcune informazioni in ambito botanico che interessano la centella. La pianta qui presente come habitat ideale richiede luoghi ombrosi e umidi. Per quanto riguarda le sue origini dobbiamo spostarci in India e Madagascar invece. Cresce però anche in Australia. Si trova nella fascia pantropicale dell’Asia.

La centella asiatica ricordiamo che predilige i terreni paludosi, oltre che crescere in prossimità dei corsi d’acqua. Come detto all’inzio dell’articolo viene chiamata a livello botanico Hydrocotyle asiatica. Si tratta di una pianta erbacea perenne, con foglie a rosetta che presentano un lungo picciolo. Il gambo invece è strisciante e i fiori sono semplicemente bellissimi, questi sono color violaceo-rossastro.

Curiosità

Possiamo concludere parlando brevemente delle curiosità che interessano la pianta di oggi, ossia la centella asiatica. Qui sotto si trovano tre punti d’interesse.

  1. La prima piccola ma interessante curiosità sulla centella riguarda il mondo animale. Ovvero, pare che alcuni predatori la utilizzano per trarre sollievo in caso di ferite. Questo accade per mezzo dello sfregamento sulla pianta. Infatti la centella è conosciuta anche come “erba della tigre”, un aspetto piuttosto interessante possiamo dire.
  1. Nella medicina ayurvedica la centella è molto apprezzata, in particolare per gli effetti che ha sul cervello. Più precisamente come “tonico”, dunque stimola la memoria e la concentrazione dell’individuo. Inoltre, pare possa combattere alcune malattie neurodegenerative.
  1. La centella asiatica la si può sfruttare anche in cucina. Una ricetta da provare assolutamente è il risotto al quale vengono aggiunti rucola, centella appunto e pompelmo rosa. Un piatto originale e decisamente nuovo per il palato.

Condividi sui Social.

Lascia un commento