Olio essenziale di legno di cedro: proprietà, benefici, usi e controindicazioni

0

In presenza di un disturbo potete fare uso degli oli essenziali, questi sfruttati in molti settori il cui obbiettivo principale è quello di prendersi cura del vostro corpo. Il protagonista di oggi è l’ olio essenziale di legno di cedro, grande alleato in quanto utile per l’uomo in varie occasioni. Ecco cosa c’è da sapere sull’essenza qui presente, analizziamone come prima cosa le proprietà e dopo passiamo agli usi e controindicazioni.

Proprietà e benefici dell’olio essenziale di legno di cedro

Con il metodo di estrazione che prevede la distillazione in corrente di vapore, viene ricavato l’olio essenziale di cui parliamo oggi. Le parti della pianta che trovano impiego sono i rami e il legno ottenuto dal tronco. Qui sono presenti le proprietà e i benefici dell’essenza di cedro, vediamole subito.

1. Antistress

Inalando l’olio essenziale di legno di cedro potete lenire numerosi disturbi, si comincia dallo stress. Questo viene ridotto e portato poco a poco a svanire. Chiaramente tutto dipende anche da cosa origina il problema. Il livello di stress infatti può raggiungere alti livelli e in tali situazioni, l’aromaterapia non è sufficiente. Avvaletevi anche di un consulto con uno specialista.

2. Repellente

Nota anche la sua azione repellente nei confronti di insetti e parassiti. L’essenza di legno di cedro è appunto molto forte ed emana un’aroma per niente gradito a questi piccoli esseri. Funziona anche da deodorante per la casa, utilizzatelo con parsimonia e non ogni giorno come se fosse un prodotto privo di controindicazioni.

3. Dolori mestruali

Prima di tutto volevano puntualizzare che molte donne ne fanno uso per tenere a bada i dolori mestruali. L’olio di cedro è un rimedio noto in quest’ambito. Lo potete utilizzare come olio per massaggi, la zona d’interesse è l’addome. Ricordatevi che è necessario diluirlo in olio vettore. Prima di passare alla prossima proprietà, aggiungiamo che sempre quest’olio essenziale è altrettanto utile quando si parla di dolori reumatici.

4. Espettorante

Il suo utilizzo viene in vostro aiuto anche quando si parla di raffreddore o catarro. Esercita infatti un’azione espettorante utile in caso di sintomi influenzali e tosse grassa. Solitamente sono consigliati i suffumigi per ottenere benefici in questo caso.

5. Tonico per i capelli

Utilizzato in maniera corretta questo tipo di olio essenziale è apprezzato come tonico per i capelli. Ne previene la caduta, rende la ricrescita più veloce, nutre il capello e gli rende più lucenti e in salute. Lo dovete impiegare una volta a settimana o ogni 10 giorni. Chiedete pure a un esperto per maggiori dettagli.

Usi dell’olio essenziale di cedro

Gli usi dell’essenza di legno di cedro non sono così diversi da quelli che potete fare con altri oli essenziali. Qui vi mostriamo come potete sfruttarlo, ecco 3 usi per l’olio essenziale di oggi.

  • Shampoo fortificante. Lo shampoo può diventare il vostro alleato in caso di capelli sfibrati o che tendono a cadere. Come? Semplicemente utilizzando i giusti prodotti, proprio come nel caso dell’essenza di legno di cedro. Vi serve solamente uno shampoo neutro (100 ml) e 20 gocce di essenza. Dopo questa diluizione fate addizionare bene gli ingredienti. La soluzione qui presente è nota contro i capelli grassi e la forfora, ma anche in caso di alopecia offre buoni risultati.
  • Vasca da bagno. Come per la maggior parte degli oli essenziali, anche quello di legno di cedro lo potete sfruttare per un bagno rilassante, il quale è terapeutico per mente e corpo. Il rimedio è semplice, in acqua calda aggiungete fino a un massimo di 10 gocce di essenza. Immergetevi per 15 o 20 minuti, successivamente procedete al normale risciacquo.
  • Diffusione ambientale. Con la diffusione ambientale potete acquisire quanti più benefici possibili. I metodi più comuni con cui potete fare uso di questo olio essenziale sono 3. Ricordiamo, i suffumigi una procedura dove occorre una pentola d’acqua bollente e un asciugamano per coprirvi il capo, così che potete inspirare i fumi. Anche con l’aiuto di un bruciatore di essenze potete diffondere nella casa (come in ufficio) l’olio essenziale. Le quantità di utilizzo sono sempre le stesse, 1 goccia per ogni metro quadro dell’ambiente. Altrimenti lo spray per ambiente fai da te è un rimedio indicato, lo potete spruzzare in casa praticamente ovunque quindi in salotto, nelle camere e non solo. In quest’ambito l’olio essenziale di legno di cedro riduce lo stress, il nervosismo e porta pace interiore.
  • Massaggi. In olio vettore, diluite fino a un massimo di 8 o 10 gocce di olio essenziale di legno di cedro. Questo preparato lo potete utilizzare per massaggi sul corpo. Tenete presente che gli oli essenziali non sono da impiegare puri perché irritanti per la pelle.
  • Deodorante per i mobili. Per combattere il cattivo odore che rimane all’interno dei mobili, potete utilizzare l’essenza di legno di cedro. Vi basta uno straccio a cui avete aggiunto 2 o 3 gocce di olio essenziale. Ricordiamo che questo rimedio è altrettanto utile per scacciare le tarme dai mobili, infatti si comporta come se fosse un repellente.

Controindicazioni dell’olio essenziale di legno di cedro

In quanto olio essenziale non è un prodotto da prendere alla leggera, infatti in aromaterapia i primi consigli che potete apprendere sono i seguenti:

  • Non utilizzare un’essenza pura
  • Evitare l’uso interno (almeno che non sia riportato sulla confezione)
  • Non abusarne con la frequenza o dosaggi
  • Tenere lontano dalla portata dei bambini.

Dunque, anche l’olio essenziale di legno di cedro è una sostanza amica o non a seconda di come viene utilizzata. Sappiamo che le donne in dolce attesa la devono evitare e questo vale anche per la fase dell’allattamento. Non è per uso interno e appunto non adatta ai bambini.

Curiosità della pianta

Si dice che l’uso degli oli essenziali possa aiutare la mente a tal punto da rendere la persona più forte. Per esempio l’essenza di legno di cedro dona energia e offre coraggio a coloro che ne fanno uso.

Pare ottimo anche nei casi di bassa autostima. Ma per quanto riguarda la pianta da cui viene estratto questo prodotto (la quale prende il nome di Cedrus atlantica) ecco alcune cose da sapere. Il nome con cui è conosciuto è cedro dell’Atlante. Si tratta di un albero che raggiunge grandi dimensioni, parliamo infatti di 30 metri e oltre. Noto anche come cedro argentato, lo possiamo trovare spontaneo in misure che superano i 40 metri d’altezza.

La zona di origine è la catena dell’Atlante, questa presente in Nord-Africa. Le altitudini dove è possibile trovare questa specie botanica sono da i 1000 ai 1600 metri. Si trova comunque anche in Europa, dal 1842 per la precisione periodo in cui venne importata.


Condividi sui Social.

Lascia un commento