Ciliegio: proprietà, usi, benefici, curiosità e controindicazioni

0

Sicuramente la bellezza del ciliegio viene colta a pieno durante il suo periodo di fioritura, ovvero quando la pianta offre i suoi bellissimi fiori color bianco con sfumature rosacee. Tuttavia vi sono altri fattori che rendono l’albero del ciliegio interessante nonché utile per l’uomo. Parliamo infatti di proprietà, usi e non solo. La pianta genera dei frutti (conosciuti come ciliegie) da cui si ricava una marmellata buonissima, ma anche se consumati appena colti si rivelano ottimi in quanto dolci e succosi. Chi infatti non conosce le ciliegie? Ricordiamo che la pianta in questione appartiene alla famiglia delle Rosaceae ed è conosciuta in ambito botanico con il nome di Prunus avium.

Dopo questa introduzione possiamo proseguire con le informazioni riguardanti il ciliegio. Quindi ci prepariamo a parlare e farvi scoprire durante i vari paragrafi attinenti alla pianta, le proprietà che offre, gli usi e anche le eventuali controindicazioni.

Proprietà del ciliegio

Quando si parla di salute è giusto saper cosa è d’aiuto e cosa invece non lo è per il benessere del nostro corpo. Una corretta alimentazione e l’inserimento dei giusti alimenti, di certo non fa male a nessuno anzi protegge verso malattie, disturbi e altro…. Le ciliegie sono frutti antiossidanti, antinfiammatori, drenanti etc. Quindi ne possiamo dedurre che sono un’arma indicata per il corpo umano. Soffermatevi già all’azione antiossidante che il frutto esercita, questa combatte nonché previene i radicali liberi e come è ben risaputo tali sostanze aggrediscono l’organismo creando anche seri danni!

Prima di elencare tutte le proprietà riconducibili alle ciliegie, vogliamo illustrarvi un attimo la loro composizione chimica. Il frutto è ricco di acqua (più dell’80%), infatti è altamente diuretico. Basso il contenuto di proteine, mentre altrettanto buono quello delle fibre. Come vitamine e sali minerali c’è molto da sapere invece. Ricordiamo il contenuto di vitamina A, B, C, E, K e J. Come sostanze utili riguardanti i sali minerali si possono trovare all’interno calcio, ferro, magnesio, potassio, zinco, fosforo e altri. Buonissime inoltre le percentuali e varietà di aminoacidi. Anche gli zuccheri non mancano nelle ciliegie, per chi non lo sapesse sono stati riscontrati fruttosio, glucosio, saccarosio e altri. Cosa ne pensate delle ciliegie? Pensate siano dei altamente benefici? Ecco le proprietà così da togliere ogni dubbio in proposito:

  • Diuretiche
  • Sazianti
  • Digestive
  • Antiossidanti
  • Antinfiammatorie
  • Drenanti
  • Depurative
  • Immunostimolanti

Le ciliegie sono una fonte di proprietà e benefici, tuttavia, se pur utili nelle diete dimagranti in quanto “sazianti” questi frutti non devono essere assunti in quantità smodate. Questo perché possono naturalmente dare effetti collaterali, inoltre anche il loro contenuto calorico è da tenere sotto controllo. È facile cedere ai “peccati di gola” e le ciliegie sono proprio uno dei cibi più peccaminosi esistenti tanto sono buoni. Possiamo dire tranquillamente che l’una tira l’altra e in men che non si dica vi siete finiti un cestello! Non a caso esiste il detto “una ciliegia tira l’altra”.

Oltre al frutto troviamo il gambo dall’aspetto allungato che prende il nome di peduncolo. Questa parte offre altri interessanti benefici, come il porre aiuto nei trattamenti contro la ritenzione idrica oppure in caso di cellulite. Sempre quest’ultimi si prendono cura dell’apparato urinario, merito delle proprietà antinfiammatorie contenute in essi. L’infuso di peduncoli trova uso contro i calcoli renali, la gotta e le cistiti. Altri benefici associati alle ciliegie:

Usi del ciliegio

Le modalità d’uso del ciliegio sono varie. Vi ricordiamo che potete acquistare la tintura madre, l’olio di ciliegio, assumere il decotto o naturalmente fare una bella scorpacciata dei frutti. Quest’ultimi se maturi e scelti con cura sono assolutamente deliziosi. Per un uso interno il decotto è molto comune, vi serve solamente 1 tazza d’acqua e 1 cucchiaio di peduncoli di ciliegio. Qui ecco la ricetta.

Per prima cosa dovete avere con voi i peduncoli, dopodiché procedete pure a sminuzzarli bene. In un pentolino versate l’acqua sufficiente per la ricetta che in questo caso è 1 tazza abbondante. Prima di accendere la fiamma versatevi anche i peduncoli, attendete che raggiunga l’ebollizione. Successivamente è sufficiente togliere dal fuoco, coprire il tutto per non disperdere le sostanze e far passare 10 minuti circa.

La tintura madre di ciliegio viene utilizzata per uso interno. Contattate o recatevi da un esperto per la corretta posologia. In genere comunque si consigliano 40 gocce da assumere in 3 volte, queste vanno unite a dell’acqua chiaramente. Ricordatevi di farne uso lontano dai pasti.

Alcune varietà di ciliegie

Esistono tante varietà di ciliegie. In Italia ce ne sono alcune particolarmente apprezzate.

  • Ciliegia Bigarreu: è la ciliegia che matura più in fretta. Già si può trovare a partire dalla metà di maggio.
  • Ciliegia Ferrovia: sono diffusissime in Puglia, la polpa è molto succosa. Matura a giugno.
  • Ciliegia Durone: questo tipo di ciliegia è decisamente pregiato e secondo alcune persone è il migliore in assoluto. Come sempre è una questione di gusti. La sua polpa è dura e bella compatta ma al gusto è dolce e molto gustosa. Matura a fine giugno.
  • Ciliegia Marca: la loro polpa è particolarmente combatta e il colore è rosso giallognolo. Spesso viene usata per la realizzazione di conserve.

Controindicazioni del ciliegio

Non pensate che il ciliegio sia privo di controindicazioni! Le neo mamme per esempio devono evitare il frutto ma anche le tisane con i peduncoli durante il periodo dell’allattamento, così come per le donne in dolce attesa. Oltre a questo non sono esenti casi di intolleranze o allergie alimentari. I bambini piccoli (meno di 3 anni) non devono mangiarle. Causano problemi alla digestione se consumate in grandi quantità e in abbinamento con acqua.

Descrizione della pianta del ciliegio

Il ciliegio è rinomato come albero da frutto, inoltre è utilissimo per il corpo umano. Sia i peduncoli che le stesse drupe, vale a dire i frutti, sono ricchi di benefici infatti. Le sue origini ci portano direttamente in Asia, oltre che dove è presente il mar Caspio. La pianta ha una corteccia che cambia colore e aspetto man mano che l’alberello cresce. Inizialmente è color rossastro e grigio mentre al tatto si presenta liscia. Invecchiando assume sempre più la tonalità rosso-bruna tendente allo scuro. Il tronco è slanciato, mentre la chioma è dalla forma tondeggiante da grande e piramidale da giovane. Le foglie del ciliegio sono lucenti e lisce al tatto, ricordiamo che si presentano anche un pochino coriacee. I fiori presentano cinque petali bianchi, ricordiamo che questi sono ermafroditi. Rimangono i frutti, ossia le rinomatissime ciliegie! Queste sono piccole e dalla forma rotonda. Al gusto si rivelano dolcissime e molto succose. Il loro colore è rosso scuro, mentre il succo è molto più chiaro.


Condividi sui Social.

Lascia un commento