Crampi, cosa sono e come farli passare con i rimedi naturali

0

I crampi sono un disturbo frequente tra la popolazione e colpiscono senza preavviso. Le zone del corpo a rischio sono diverse, infatti si possono accusare crampi al polpaccio, alle mani e in altre zone. Cosa fare allora? Vediamo le rispettive cause e successivamente parliamo dei sintomi inerenti a questo problema. Ma prima di tutto capiamo cosa sono i crampi!

Il termine crampi è piuttosto generico e viene utilizzato per identificare un dolore che colpisce la muscolatura. Sono in pratica degli spasmi involontari, i quali oltre a cogliere di sorpresa possono dimostrarsi piuttosto debilitanti. I fattori che danno origine al problema non sono del tutto certi.

Solitamente gli arti sono le zone più a rischio, tuttavia anche gli organi interni possono essere colpiti Si sente spesso parlare di crampi addominali, crampi ai piedi, oppure crampi notturni. È importante saperli riconoscere e allo stesso tempo intervenire nel modo più appropriato.

Cause dei crampi

I crampi sono fastidiosi e sembrano avere numerose cause. Tuttavia prima di giungere a conclusioni affrettate è necessario vedere con quale frequenza compaiono. Naturalmente anche l’entità del problema conta, ossia quanto sono debilitanti. Tra le principali cause dei crampi troviamo: 

  • Postura scorretta
  • Eccessiva sudorazione
  • Stanchezza
  • Eccesso di attività fisica
  • Minor afflusso sanguigno
  • Disidratazione
  • Condizioni neurologiche
  • Gravidanza
  • Sforzo prolungato
  • Infezioni in corso

Come detto in precedenza i crampi sono più frequenti durante il periodo estivo. Nelle giornate calde è normale andare al mare e fare una bella nuotata, tuttavia ricordiamo che in acqua sono molto pericolosi perché impediscono di nuotare e anche di rimanere a galla!

Cosa sono i crampi notturni

Esistono vari tipi di crampi e tra questi, ci sono quelli notturni. Accompagnati dai crampi di calore e quelli professionali.

Il crampo notturno colpisce quando ci riposiamo, le zone maggiormente interessane sono il piede o il polpaccio. Può rivelarsi molto doloroso, infatti è tipo il risveglio brusco a causa dell’intenso dolore. C’è da dire che la loro frequenza aumenta col passare del tempo, man a mano che invecchiamo, i crampi si fanno sempre più ricorrenti. Le cause presunte sono il  minor afflusso sanguigno e la carenza di sali minerali.

Il crampo da calore è comune che colpisca negli ambienti caldi e dove c’è poca ventilazione. Riguarda principalmente gli atleti o comunque tutti coloro che praticano ginnastica e si muovono molto. Anche in questo caso nel periodo estivo è facile che si manifesti. Generalmente associato a una sudorazione eccessiva la quale comporta una perdita notevole di sali minerali.

Infine troviamo il crampo professionale che colpisce i lavoratori, non tutti ma solo determinate categorie. Ricordiamo fra questi i ballerini, i violinisti, i pianisti etc. È opportuno parlare con uno specialista per conoscere l’entità del problema, questo vale in ogni circostanze e su tutto quello che riguarda i crampi muscolari.

Rimedi naturali contro i crampi: suggerimenti utili

Esistono tanti rimedi naturali utili contro i fastidiosissimi crampi. Quando non sono eventi isolati tra loro ma si presentano con una certa insistenza, è bene fare un salto dal medico per chiedere il suo parere. I rimedi green proposti in questo articolo sono utili anche a scopo preventivo. Vediamo perciò come intervenire, sia attraverso i prodotti fitoterapici, gli oli per massaggi e non solo.

  • L’alimentazione riveste un ruolo davvero importante quando si parla di crampi addominali, è per questo che i medici nutrizionisti suggeriscono di prestare attenzione e portare in tavola alcuni prodotti che possono essere di aiuto. Cosa mangiare quindi? La frutta secca per esempio (noci e mandorle per lo più), le banane, i fichi e altri alimenti ricchi di sali minerali (come potassio e magnesio). Da non dimenticare la vitamine E e i grassi buoni, come gli omega 3 e 6. Un ottimo regime prevede anche l’integrazione di yogurt, uova, legumi e naturalmente verdure a foglia verde.
  • In commercio si trovano anche gli integratori naturali, sono prodotti destinati a ripristinare il giusto apporto di sali minerali nel corpo. Indicati sopratutto per chi pratica sport. Vi sono a base di sodio, potassio, magnesio….
  • È possibile massaggiare con gli oli essenziali le zone del corpo più a rischio di crampi. Sono suggeriti prima dello sport o dell’attività fisica. In tal modo i muscoli risultano più protetti. Noi suggeriamo di provare l’essenza di zenzero, di rosmarino e di lavanda. Non si devono usare puri sulla pelle, ma diluiti con oli vettori, come l’olio di mandorle dolci o il comunissimo olio di oliva. Bastano davvero poche gocce di olio essenziale per ottenere eccellenti risultati!
  • L’infuso alla camomilla e la tisana sono ottime contro i crampi. Nel primo caso è possibile usarla per eseguire degli impacchi locali, sia a scopo preventivo sia quando si manifesta il problema. Mentre per quanto riguardo la tisana è sufficiente assumerla per via orale.
  • Sempre alcuni tipi di essenze possono essere usate per un bel bagno tonificante grazie alla loro azione antinfiammatoria. Basta solamente che tali prodotti siano aggiunti nella vasca da bagno. Per esempio l’olio di pompelmo è un degno alleato, lo stesso vale per quello di ginepro. Gli esperti suggeriscono fino a un massimo di 20 gocce nell’acqua calda.
  • Fare stretching ha la sua importanza visto che serve a distendere la muscolatura. Così come il riscaldamento prima di cominciare ha il suo notevole peso. I movimenti bruschi o a freddo possono causare vari problemi, tra cui crampi e strappi muscolari.

Un altro rimedio naturale che contrasta la comparsa dei crampi è l’olio di cocco mischiato con un po’ (ne basta un pizzico) di pepe di cayenna. Il preparato si conserva benissimo nei barattoli di vetro, quindi può essere preparato in moderate quantità. Nel caso l’olio di cocco risulti troppo solido, rmetterlo a bagnomaria per scioglierlo. Questo prima dell’aggiunta del pepe di cayenna. Impiegare in caso di crampi o solo a scopo preventivo.


Condividi sui Social.

Lascia un commento