Nevralgia: cause, sintomi e rimedi naturali

0

Cos’è la nevralgia? Quando si manifesta? Quali sono i sintomi? Le cause? Ci sono possibili complicanze? Se si, quali? E i rimedi naturali invece funzionano? Quando si parla di salute le domande sono tante, tantissime. Oggi parliamo nello specifico di nevralgia.

La nevralgia è l’irritazione di un nervo. E’ un’infiammazione e può interessare varie parti del corpo. Dopo vediamo quali sono i tipi di nevralgia più comuni, come per esempio la sciatica o la nevralgia del trigemino.

Le nevralgie non passano inosservate. Il dolore è intenso e colpisce l’intero nervo. Spesso è un dolore passeggero, che non dura più di alcuni giorni. Altre volte invece può diventare cronico e nella peggiore delle ipotesi, può anche invalidare.

Cause della nevralgia

Come molte altre malattie, anche la nevralgia può avere cause note e non note. Nel primo caso si parla di nevralgia secondaria. In base al nervo infiammato possono esserci diverse cause. La causa della nevralgia del trigemino per esempio può essere una carie, la sinusite, l’otite e altri processi infiammatori che interessano il viso. Si parla di nevraglia primaria quando le cause sono sconosciuta.

La nevralgia è spesso provocata dalla pressione da parte di un tessuto o un osso sul nervo. Accade per esempio in caso di traumi ossei o muscolari oppure posture scorrette.

Tipi più comuni di nevralgia

La nevralgia è l’infiammazione del nervo e potenzialmente tutti i nervi possono essere colpite. Ne esistono però alcune molto più comuni di altre. Vediamo quali sono.

  • Nevralgia post erpetica

La nevralgia post erpetica si manifesta in seguito all’herpes zoster, conosciuto anche come fuoco di Sant’Antonio. La nevralgia è quindi una possibile complicanza. Il dolore persiste quindi a lungo rispetto alle classiche eruzioni cutanee, il prurito e il bruciore.

  • Nevralgia del trigemino

Di solito colpisce dopo i quarant’anni. E’ una nevralgia cronica, caratterizzata da dolore lancinante. E’ il quinto nervo cranico l’interessato. Il dolore interessa il mento, la mandibola e l’occhio. Di solito colpisce un solo lato della faccia e quello destro è il più a rischio. I sintomi sono vari. C’è chi ha una crisi e poi non ne soffre più, anche per anni. C’è chi invece ha un dolore costante nei periodi refattari. E chi invece, vede ripetersi varie crisi di pochi minuti nell’arco della giornata. I sintomi tipici sono il dolore lancinante, l’intorpidimento della faccia e il formicolio.

  • Nevralgia del nervo sciatico

La nevralgia del nervo sciatico è conosciuta come sciatica o sciatalgia. Interessa la gamba e la parte bassa della schiena. La sciatica di solito viene causata quando è compresso il nervo sciatico o la radice di un nervo spinale lombare. I sintomi sono dolore nella parte bassa della schiena ma anche a una delle due gambe. Spesso c’è una sensazione di torpore e anche una certa difficoltà a muovere la gamba.

La nevralgia può avere complicazioni?

La nevralgia in realtà è una condizione si dolorosa, ma spesso è proprio lei ad essere una complicazione. Come nel caso del Fuoco di Sant’Antonio, delle vertebre schiacciate, oppure di un’operazione.

Rimedi naturali contro la nevralgia

Infine, ecco qui un piccolo elenco di rimedi naturali contro la nevralgia. In alcuni casi è impossibile non assumere antidolorifici o eventuali terapie consigliate dal medico. Altre volte ancora occorre intervenire sulla causa, quando è nota.

Prima di tutto è bene evitare quegli alimenti che in qualche modo possono aumentare l’infiammazione. Uno tra tutti è lo zucchero bianco, ma anche le varie bevande zuccherate che siamo fin troppo abituati a bere.

Lo stesso discorso vale anche con il latte e tutti i suoi derivati. I salumi e la carne rossa. Sicuramente di aiuto invece frutta e verdura, immancabili in un’alimentazione sana. Si ai cereali integrali, i legumi e anche alla carne bianca.

Ci sono alcuni cibi poi, dalla leggera azione antinfiammatoria. Tra questi troviamo i pesci ricchi di omega 3 e omega 6, ma anche i semi oleosi e gli oli vegetali come l’olio extravergine di oliva.

Tra le piante dall’azione fitoterapeutica invece, il salice, la spirea e il sambuco. Infine potete ricorrere alle eccellenti proprietà antinfiammatorie di alcuni oli essenziali, come quello di canfora, di chiodi di garofano e di sedano.


Condividi sui Social.

Lascia un commento