Talloni screpolati: cause, rimedi naturali veloci e consigli

0

I piedi sono una parte molto importante del nostro corpo: ci danno equilibrio, per cui devono essere sempre preservati e curati. Uno dei problemi più frequenti a cui si va incontro sia d’estate che di inverno, sono i fastidiosi ed antiestetici talloni screpolati che, sovente e specialmente quando non vengono prese le dovute precauzioni, sono soggetti a spaccature e sanguinamenti. E’ molto importante intervenire per risolvere il problema dei talloni screpolati poiché, a lungo andare, questo fastidioso disturbo potrebbe addirittura compromettere il nostro comfort e la nostra capacità motoria.

Talloni screpolati: le cause

Il fastidioso problema dei talloni screpolati è da imputare a diversi fattori: esso può essere causato da alcune malattie legate alla cute come la psoriasi oppure può trovare la sua origine nel diabete o in disturbi ormonali.

I talloni screpolati possono, ancora, essere causati da eccessiva sudorazione e callosità, da alcune anomalie come nel caso del piede cosiddetto “piatto”. I talloni screpolati possono accentuarsi in menopausa oppure essere connessi ad obesità e gravidanza: è in queste due ultime condizioni, in particolare, che la pianta del piede è più sollecitata e soggetta a pressione a causa dell’aumento di peso corporeo. In tutti questi casi, se il tallone è sottoposto ad un continuo sfregamento e se non vengono utilizzate creme idratanti ed emollienti, è più facile che il derma si inaridisca fino a spaccarsi.

Anche l’utilizzo di detergenti troppo aggressivi (come le lozioni sgrassanti) possono causare il problema dei talloni screpolati poiché vanno a ridurre la pellicola protettiva idrolipidica della pelle del piede.

Ancora, altre cause dei talloni screpolati può essere l’uso continuo e frequente di scarpe aperte, tacchi alti o scarpe troppo strette: tutte le citate situazioni possono causare screpolature, duroni ed infezioni locali. Anche camminare scalzi o indossare sempre scarpe infradito possono accentuare il problema dei talloni screpolati. Inoltre, durante l’estate, la patologia tende ad aumentare per via della sudorazione e del contatto con la luce solare e con la sabbia.

Talloni screpolati: i rimedi naturali per combatterli

Prima di rivolgerci ad uno specialista per cercare una  soluzione al problema dei talloni screpolati, possiamo ricorrere ad utilissimi rimedi naturali che risultano essere davvero molto efficaci. In primo luogo, consigliamo un pediluvio a base di lavanda e bicarbonato, per ammorbidirne la cute. Basterà riempire una bacinella di acqua calda, versare due o tre cucchiai di bicarbonato e quattro gocce di olio essenziale di lavanda. La durata del trattamento è di circa 15-20 minuti. Fatto ciò, si passerà alla fase scrub, utilizzando una pietra pomice, strumento molto utile per levigare i talloni e per rimuovere le cellule morte. Terminato questo passaggio, potremo applicare abbondante crema idratante sulle zone interessate, da massaggiare con cura. Chi non avesse a disposizione la pietra pomice, potrà intervenire applicando uno scrub fai da te, che può essere realizzato facilmente a casa, mescolando dello zucchero oppure del sale con dell’olio d’oliva o di mandorle. Con il bicarbonato di sodio, possiamo creare un composto leggermente abrasivo, che viene preparato con il sale grosso. Molto indicati, anche gli impacchi al burro di karité (da effettuare rigorosamente prima di andare a dormire) o con l’olio di sesamo, ottimo rimedio per prevenire le rughe.

Anche l’olio vegetale, come quello d’oliva oppure l’olio di semi di sesamo e di cocco costituiscono un valido aiuto naturale per idratare le parti screpolate. Consigliamo allora di tamponare i talloni screpolati con un batuffolo di ovatta imbevuto di olio vegetale: senza risciacquare, possiamo andare a dormire, indossando un paio di calze pulite in modo che l’olio avrà a disposizione un ampio arco di tempo per poter penetrare in profondità, risanando la cute.

Anche la banana può rivelarsi un ottimo rimedio naturale per combattere i talloni screpolati: schiacciamo una banana molto matura con una forchetta e poi la spalmiamo sulla pelle, lasciandola agire per 10 minuti. Risciacquiamo il composto con acqua calda e poi mettiamo i piedi a mollo in acqua fredda per qualche minuto. Questo “trattamento di bellezza” può essere ripetuto tutti i giorni per una settimana. Anche un pediluvio a base di miele è un vero e proprio toccasana, perché il “dolce nettare” ha proprietà idratanti e antibatteriche. Possiamo anche realizzare uno scrub naturale con proprietà esfolianti utilizzando aceto di sidro di mele e farina di riso: in una terrina mescoliamo 3 cucchiaini di farina di riso con qualche cucchiaino di miele e aceto di sidro di mele fino ad ottenere un composto piuttosto spesso e compatto. Mettiamo prima i piedi in ammollo in acqua calda per 10 minuti, poi facciamo lo scrub, per smussare ed eliminare tutte le cellule morte. Diversa variante è anche la “crema” con farina di ceci, zucchero di canna e mandorle tritate: questo composto va strofinato esercitando una leggera pressione. Infine, molto utile ed efficace è la lozione che si ottiene con olio e limone, da mescolare con energia, fino ad ottenere un composto cremoso: si tratta di una crema molto utile anche per combattere calli e duroni.

Talloni screpolati: consigli utili per evitarli

I talloni screpolati spesso sono dovuti ad un problema di disidratazione oppure derivano da un’eccessiva pressione esercitata sulla pianta del piede. Se non curate subito, le screpolature possono peggiorare notevolmente procurando bruciori, dolori e, nei casi più gravi, anche perdita di sangue e infezioni. Ecco perché bisogna prevenire tempestivamente. Se i talloni sono già in stato avanzato di inaridimento, vi consigliamo di effettuare un pediluvio almeno due volte a settimana. Se il problema non è patologico, potrete intervenire con degli accorgimenti molto semplici: indossate sempre scarpe comode, che non siano né troppo strette, né troppo alte.

Ancora, utilizzate sempre calzini, meglio se di cotone e senza cuciture rigide. Cercate di tenere i piedi sempre puliti e ben asciutti, in modo da evitare funghi e micosi. Cercate anche di non camminare a piedi nudi, perché la polvere depositata sul suolo tende poi ad irritare ulteriormente la cute. Infine, seguite sempre un’alimentazione sana ed equilibrata, bevete molta acqua (almeno due litri al giorno): in questo modo idraterete il vostro corpo e, di conseguenza, anche i vostri piedi.


Condividi sui Social.

Lascia un commento